cure2children al carnevale

Domenica 12 febbraio

Testimonial presente alla sfilata sarà il cantautore Alessandro Canino che canterà sul palcoscenico di piazza Mazzini prima dell’inizio del Corso Mascherato di Apertura.

 

Leonardo Pieraccioni, già vincitore del Premio Burlamacco d’Oro, ha invece realizzato un videomessaggio di saluto e di invito al Carnevale di Viareggio attraverso i social. Un saluto e un invito al Carnevale con Cure2Children anche Lorenzo Baglioni attore e autore comico è online attraverso i socialnetwork.

 

 

La Fondazione “CURE2CHILDREN” ONLUS nasce per volontà di un medico oncologo, il Dott. Lawrence Faulkner, ed un gruppo di genitori che hanno vissuto, e vivono ogni giorno, il dolore per la perdita del proprio figlio a causa di una malattia onco-ematologica.

 

“CURE2CHILDREN” lavora per portare la cura e la prevenzione direttamente “in loco”. Oltre al sostegno logistico, forma i medici ed il personale sanitario affinché nel tempo riescano autonomamente a prendersi cura dei piccoli pazienti affetti da queste malattie terribili.

 

Non è rimasta una sola parte del Mondo emergente dove, in questi nostri 10 anni di attività (2007-2017) non si siano esplorate realtà mediche locali e proposto il gratuito contributo.

 

Con investimenti modesti, fatti direttamente in queste aree, e al contempo preservando gli stessi standard terapeutici dei Paesi occidentali, Cure2Children cura i bambini affetti da tumori e gravi malattie del sangue direttamente nei loro Paesi di nascita.

 

Oggi i medici di Cure2Children sono in molte di queste realtà sanitarie dei Paesi Emergenti per curare queste patologie complesse e difficili laddove, il più delle volte, non veniva assicurata neanche una corretta diagnosi o, peggio ancora, dove il bambino non poteva accedere alla cura salvavita solo per ragioni economiche. Ciò rappresentava per il bambino e per la sua famiglia una sentenza già scritta, un giudizio inappellabile.

Questa è Cure2Children: con poco ha fatto davvero tanto; dove la strategia di non sostituirsi mai ai medici locali, anche nelle fasi iniziali del progetto, si è rivelata vincente salvando la vita a tanti bambini e favorendo uno sviluppo sanitario sostenibile localmente.