Mascherate in Gruppo

Mascherate in Gruppo

Sono nove le mascherate in gruppo in concorso al Carnevale di Viareggio 2017 e che sfileranno in occasione dei cinque Grandi Corsi Mascherati in programma il 5, 12, 18, 26 e 28 febbraio

“Salerno Via-Reggio Calabria E’ stato un gioco da ragazzi” di Luca Bertozzi

“Salerno Via-Reggio Calabria E’ stato un gioco da ragazzi” di Luca Bertozzi

Taglio del nastro al Carnevale di Viareggio per quella che viene definita il “corpo del reato più lungo d’Italia”: la Salerno-Reggio Calabria. Ma siamo a Carnevale e la battuta di Matteo Renzi che ha definito la ripresa del cantiere “un gioco da ragazzi” diventa motivo di satira.

“La grande migrazione” di Michele Canova

“La grande migrazione” di Michele Canova

Prende ispirazione da “Gli uccelli” di Aristofane, il costruttore che nella mascherata in gruppo racconti è un monito contro la smania di potere e la difficoltà di accettare il diverso che l’uomo manifesta troppo spesso. Capovolgiamo il punto di vista: non è l’uomo a dover accettare, ma è colui che deve farsi accettare.

“Il libro apre la mente” di Roberto De Leo e Vania Fornaciari

“Il libro apre la mente” di Roberto De Leo e Vania Fornaciari

I libri non solo aprono la mente, ma stimolano la fantasia e la creatività. Al Carnevale di Viareggio i libri, inoltre, diventano straordinari mezzi per compiere mirabili viaggi fantastici. Ce lo dimostra il costruttore che in questa mascherata trasforma la letteratura in opere in cartapesta.

“E il naufragar m’è dolce in questo mar… I Sincronet” di Marzia Etna

“E il naufragar m’è dolce in questo mar… I Sincronet” di Marzia Etna

A noi, popolo italiano, naufragare in questo mare è dolce. Ai nostri governanti no. Prende spunto da questa riflessione la mascherata che propone la costruttrice. Ma mentre noi nuotiamo, seppure in un mare di guai, con il sorriso sulle labbra, i nostri politici invece si accordano per un nuoto sincronizzato, tra piroette ed acrobazie, a volte prendendo decisioni sagge, altre volte no.

“L’amor che move il sole e l’altre stelle” di Giampiero Ghiselli

“L’amor che move il sole e l’altre stelle” di Giampiero Ghiselli

Contro i mali che affliggono il mondo l’unica cura possibile è l’amore, in ogni sua forma. Ne è convinto il costruttore che propone una opera in cartapesta dedicata a quel sentimento che… move il sole e l’altre stelle come scrive Dante Alighieri. (progetto di Maria Chiara Franceschini)

“Questa sera varietà” di Libero Maggini

“Questa sera varietà” di Libero Maggini

I protagonisti dello spettacolo più amato di tutti i tempi. I grandi personaggi intramontabili. A loro è dedicata questa mascherata in gruppo. Un percorso che ci permette di rivivere le emozioni che ci hanno lasciato Chaplin, Petrolini, Jospehin Baker, Macario, solo per citarne alcuni.

“L’ultimo samurai. La lega dei Mangiamorte” di Giacomo Marsili

“L’ultimo samurai. La lega dei Mangiamorte” di Giacomo Marsili

Chi è l’ultimo samurai che ingaggia la lotta contro lo straniero? E’ Matteo Salvini, leader della Lega che in questa mascherata indossa gli abiti da guerriero giapponese pronto a combattere contro l’immigrazione, raffigurata dalle straordinarie maschere africane che si celano dietro i simboli orientali dei kabuki.  Sarà l’ultimo samurai contro l’immigrazione o anche altri cambieranno volto sul tema?

“Non ci spaventiamo” di Adolfo Milazzo

“Non ci spaventiamo” di Adolfo Milazzo

Vincere le paure è possibile. Come? Comportarci da spaventapasseri, leggeri e silenziosi, facendo noi paura alle difficoltà e ai timori che ci affliggono. La carta vincente è sempre quella del sorriso. Un metodo infallibile, dice il costruttore.

“I sette vizi capitali” di Enrico Vannucci

“I sette vizi capitali” di Enrico Vannucci

Quali sono i sette vizi capitali? Invidia, lussuria, accidia, superbia, avarizia, ira e gola. Ed eccoli i sette peccati che tentano l’uomo dalla notte dei tempi. Ovviamente riletti in chiave carnevalesca, ironica e scanzonata.